Non è semplice descrivere, a chi non ha mai avuto la fortuna di assaggiarlo,  il gusto inebriante del nostro Spumante Asprinio Brut. Il suo nome “Flavus” è di derivazione latina e richiama il suo colore biondo dorato. Si presenta in una raffinata bottiglia che racchiude uno spumante dall’odore deciso e dal gusto aspro e fresco. Raggiunge gli 11/12 punti di acidità ed è ottimo per accompagnare qualsiasi tipo di piatto dalla frutta fino al dessert.

Sulle sue origini molto antiche si rincorrono molte leggende, ma la sua reale origine sembra da attribuirsi agli etruschi che, per primi, lo coltivarono. In tempi più recenti anche i francesi hanno mostrato notevole interesse per questo pregiato vitigno tanto da utilizzarlo per migliorare la qualità dei loro spumanti. Oggi grazie alle nuove tecnologie, la nostra Tenuta può vantarsi di spumantizzarlo in loco, direttamente presso la nostra azienda senza necessità di ricorrere ad aziende esterne. Viene lasciato 10/12 mesi sui lieviti e questo permette una spumantizzazione di eccellente qualità.  Questo è l’aspetto di cui andiamo più orgogliosi e che rende  il Flavus, senza dubbio alcuno, il nostro fiore all’occhiello.

La sua particolarità, rispetto agli altri vitigni,  è certamente data dall’altezza, può infatti addirittura raggiungere i 10/12 metri.

Per raccoglierlo è necessario servirsi di lunghissime scale a pioli sulle quali si arrampicano con dimestichezza ed incredibile agilità giovani e meno giovani. Lo stesso Benito Di Costanzo ricorda con nostalgia quel periodo della sua adolescenza, quando ancora ragazzino si arrampicava, senza timore, su quella scala per raccogliere i grappoli di quell’uva così rara, capace di produrre un vino così pregiato.

Sia che si tratti di Capodanno che di una qualsiasi festa in famiglia, dunque, non possiamo che invitarvi a brindare con il nostro delizioso Flavus, il nostro Spumante Asprinio Brut, simbolo delle eccellenze campane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *