Il Fiano è un vino pregiato campano antichissimo molto apprezzato, conosciuto e ricercato sia in Italia che all’estero poiché considerato uno dei migliori vini italiani. Assaggiarlo vuol dire innamorarsene, il suo profumo è intenso, persistente, avvolgente ed allo stesso tempo equilibrato, mentre il suo sapore risulta fruttato. La sua storia è, come quelle di quasi tutti i vitigni autoctoni campani, costellata da luci e ombre.

Il suo nome ha un’origine degna di nota, deriverebbe infatti dal latino “Apianis” ossia “Apina” poiché il piacevole profumo che emanano i suoi grappoli è in grado di attirare le api. Da “Apina” si è passati a denominarlo “Afiana” ed infine “Fiano” così come è conosciuto ai giorni nostri. Tale tesi è sostenuta dai romani. La tesi greca, invece, narra che tale vitigno fu importato proprio dai greci da un’antica città del Pelopponeso ossia Apia fino a Lapio, in provincia di Avellino, Il primo luogo dove ha trovato terreno fertile quest’uva e che probabilmente deve il suo nome proprio a questo vitigno. Il periodo di massimo splendore si deve a Carlo II d’Angiò, prima re di Sicilia poi di Napoli, che impiantò numerosi viti di Fiano all’interno della propria tenuta sita in Manfredonia. Grazie a lui, il Fiano iniziò ad essere conosciuto dal grande pubblico e a diffondersi prima all’interno delle corti medievali locali e poi ad essere addirittura esportato all’estero. Purtroppo a questo periodo di grande splendore seguì un lungo periodo buio causato da un’epidemia in cui la sua produzione iniziò a diminuire drasticamente. Solo negli anni successivi e con grandi difficoltà si ebbe una sua importante riscoperta. Si caratterizza per un colore giallo paglierino più o meno intenso, il suo profumo è fruttato e leggero, con note di biancospino, fresco, morbido, sapido. Al palato si presenta armonico e con buona acidità. Per gustare al meglio il suo sapore è preferibile abbinarlo con piatti a base di pesce come i crostacei, i molluschi, la frittura di pesce e gli spaghetti alle vongole, ma anche il tartufo. Questo vitigno preferisce terreni freschi, profondi, ricchi di micro elementi minerali, di origine vulcanica, tipici delle colline che circondano Pastorano dove è situata la nostra splendida Tenuta Di Costanzo e dove viene coltivato questo pregiato vino. Il Fiano è da considerarsi senza dubbio uno dei migliori vini bianchi italiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *