• Il Fiano, il vino amato perfino dalle api

    Il Fiano è un vino pregiato campano antichissimo molto apprezzato, conosciuto e ricercato sia in Italia che all’estero poiché considerato uno dei migliori vini italiani. Assaggiarlo vuol dire innamorarsene, il suo profumo è intenso, persistente, avvolgente ed allo stesso tempo equilibrato, mentre il suo sapore risulta fruttato. La sua storia è, come quelle di quasi tutti i vitigni autoctoni campani, costellata da luci e ombre.
    Continua a leggere

  • Il Pallagrello nero, un vino da scoprire

    Delle origini del nome pallagrello abbiamo ampiamente parlato nel precedente articolo pubblicato sul nostro blog, dedicato interamente al pallagrello a bacca bianca, che vi invitiamo a leggere se non lo avete ancora fatto. Nello stesso abbiamo anche sottolineato come questa qualità di vino, nella sua varietà bianca, fosse rimasta per anni all’ombra di più note qualità di vino.
    Continua a leggere

  • Il Pallagrello bianco, il vino amato dai Borboni

    L’origine del nome del vino Pallagrello non è certa. Secondo alcune fonti il suo nome trarrebbe origine dal cosiddetto “pagliarello” una stuoia di paglia ove si poneva ad appassire l’uva; secondo altre fonti lo stesso deriverebbe da “pallarello” con cui, nel dialetto casertano, ci si riferiva alla forma rotonda degli acini del grappolo d’uva.
    Continua a leggere

  • Casavecchia vitigno autoctono della provincia di Caserta

    La storia del Casavecchia, vitigno autoctono della provincia di Caserta, è una delle più affascinanti mai tramandate. Le sue origini sono antichissime, addirittura il Casavecchia affonderebbe le sue radici ad inizio del secolo scorso quando la sua prima vite fu scoperta per puro caso da un contadino che, sin da subito, intuendone il prezioso valore e l’enorme potenziale, iniziò la produzione del suo vino.
    Continua a leggere

  • Il fondatore

    La Tenuta Di Costanzo è nata nell’anno 2000 ad iniziativa di Benito Di Costanzo, imprenditore nel settore industria, per assecondare la passione del padre Orlando e del suocero Nicola, agricoltori dalla nascita e continuatori delle tradizione agricole dei loro rispettivi genitori. Continua a leggere