• Il Pallagrello nero, un vino da scoprire

    Delle origini del nome pallagrello abbiamo ampiamente parlato nel precedente articolo pubblicato sul nostro blog, dedicato interamente al pallagrello a bacca bianca, che vi invitiamo a leggere se non lo avete ancora fatto. Nello stesso abbiamo anche sottolineato come questa qualità di vino, nella sua varietà bianca, fosse rimasta per anni all’ombra di più note qualità di vino.
    Continua a leggere

  • Nella bottiglia

    Lo scrittore Mario Soldati così descriveva l’asprinio d’ Aversa: “Questo grande piccolo vino profuma di limone, è di una secchezza totale, sostanziale, che non lo si può immaginare se non lo si gusta”. È un vino dal colore verdolino e dai profumi agrumati, tra i quali spicca la nota di limone, ed ha toni vegetali. Ha struttura, e peculare acidità che lo rende “aspro”. Da qui il nome “asprinio”.

    Continua a leggere